Categorie

Bollinger Champagne


Maison Fondée en 1829



Dal 1829 Bollinger produceva grandi champagne con uno stile potente, sofisticato e complesso.



Un'Eredità Sofisticata - Uno Stile



La Casa di Hetos -  Una Certa Forma di Perfezione



Dal 1829, la Bollinger champagne House ha creato champagne prestigiosi con carattere, contraddistinti dalla loro eleganza e complessità. Questi vini eccezionali sono il risultato di una rigorosa attenzione ai dettagli, perché Bollinger accetta niente di meno che l'eccellenza. Ogni dettaglio rappresenta la ricerca di una certa forma di perfezione.Questo spirito senza compromessi indipendente, dedicato a risultati senza ostentazione, esemplifica l'eleganza inimitabile per la quale la regione dello Champagne è rinomata e che ha così impressionato la Corte d'Inghilterra che la Maison è stata premiata il Royal Warrant dal 1884.


L'Essenziale - L'Unicità della Casa



Il vigneto Bollinger si estende per 165 ettari, la maggior parte dei quali classificati Grand o Premier cru. Predomina il Pinot Nero, un vitigno esigente dal carattere intenso che costituisce la spina dorsale dello stile Bollinger. La continuità dello stile è assicurata da una collezione eccezionale di oltre 700.000 magnum di riserva, che fanno di Bollinger l'unica casa di champagne con una tavolozza di aromi così ampia e precisa per le loro miscele.A garanzia di qualità suprema, i migliori cru vengono vinificati in legno grazie a uno stock di 3.500 botti piccole e invecchiate. La Maison lascia maturare i suoi vini per il doppio del tempo richiesto dalla denominazione. Non per vanità, ma perché un grande vino ha bisogno del lusso del tempo per sviluppare appieno il suo carattere.


Precisione in Azione



Poiché la qualità è ancorata nella precisione di ogni movimento da eseguire, ogni fase della produzione dei vini Bollinger è contrassegnata da un'azione specifica. Tramandati e perfezionati di generazione in generazione per quasi due secoli, questi segreti di produzione sono uno dei più grandi patrimoni della Maison, Pollinger non cede mai alla facile opzione: laddove le tecniche ancestrali hanno dimostrato di garantire la massima qualità, vengono preservate, sfidando questa scelta potrebbe provare. Svuotamento manuale, magnum di riserva e cuvée vintage tappate con tappi naturali e un bottaio residente: la Maison perpetua con orgoglio antiche abilità e preziosi mestieri. Bollinger è la prima casa produttrice di champagne ad ottenere il prestigioso marchio di qualità Patrimoine Vivant (patrimonio vivente) che ricompensa l'eccezionale maestria e abilità.


Un'Eredità Sofisticata - Una Storia


L'Inizio - 1829 - Un Aristocratico Avventuroso e Due Esperti di Vino



La storia è iniziata con Athanase de Villermont, il figlio più giovane di una nobile famiglia con un destino brillante. Un grande soldato che ha brillato durante la guerra d'indipendenza americana, ha ereditato una vasta tenuta dalla sua famiglia nella zona di Aÿ. Ha intuito subito le straordinarie potenzialità dei vini di Champagne, ma in quanto aristocratico gli è stato proibito di dedicarsi al commercio. Ha poi incontrato Joseph Bollinger, un tedesco molto viaggiato che aveva lasciato il suo paese natale per conoscere il commercio del vino dello Champagne, e Paul Renaudin, un uomo del posto che era affascinato dal mondo del vino. L'azienda Renaudin-Bollinger & Cie fu fondata il 6 febbraio 1829. Joseph si occupava delle vendite e Paul della cantina. Athanase aveva fondato una casa di champagne che doveva durare nei secoli.


Successione - Con la Successione Arrivò un Momento di Sfide



Joseph Bollinger sposò Louise-Charlotte, figlia di Athanase, nel 1837. Col tempo i loro figli, Joseph e poi Georges, rilevarono l'attività. Dalla crisi della fillossera ai disordini della Grande Guerra, dovevano affrontare alcune delle più grandi sfide della Casa. Sotto la guida dei due fratelli, Bollinger acquisì comunque grande fama e ampliò notevolmente i suoi vigneti. Nel 1920 Jacques Bollinger, figlio di Georges, si ritrovò al timone della Casa: un fardello pesante per un 24enne. Ha affrontato la sfida con coraggio, aiutato dai cugini Pierre e poi da Yves Moret de Rocheprise; perché la forza di Bollinger risiede anche nei suoi potenti legami familiari. Esperto, colto e di lingua inglese fluente, Jacques aumentò l'importanza di Bollinger attraverso la Manica. Ha guidato la Camera con grande saggezza negli anni difficili della recessione e della seconda guerra mondiale e come sindaco di Aÿ si è impegnato a proteggere il suo villaggio.


Elegance - Madame Bollinger



Quando la scozzese Elizabeth Bollinger (nata Law de Lauriston-Boubers) sposò Jacques nel 1923, anche lei si sarebbe appassionata al destino della Maison. Aveva solo 42 anni quando ha perso il marito al culmine della guerra. Senza esitazione e con grande dignità intervenne per prendere la fiaccola. "Madame Jacques", come era conosciuta all'interno della Maison, si è gettata anima e corpo nel suo nuovo ruolo. Durante le sue numerose visite all'estero la sua grazia e il suo fascino naturali hanno fatto miracoli. Allegra e arguta, Madame Bollinger è stata comunque una formidabile stratega. Un'impavida imprenditrice, era anche molto perfezionista e tollerava niente di meno che l'eccellenza. Era sempre pronta a innovare, ed era la forza trainante dietro l'originalissima cuvée Bollinger RD. L'immagine familiare del suo ciclismo tra i vigneti è impressa nella memoria di tutti.


La Dinastia - Prepararsi per il Futuro



Con il suo consueto buon senso, Madame Bollinger ha raccolto intorno a lei quei membri della famiglia che erano più in grado di seguire le sue orme. In primo luogo ha insegnato a Claude d’Hautefeuille, il marito di sua nipote, i dettagli della casa. Nel 1950 divenne direttore e lanciò un ambizioso programma di ammodernamento nel rispetto dei requisiti di qualità di Bollinger. La signora Bollinger lo ha nominato presidente nel 1971, ma è rimasta strettamente coinvolta fino alla sua morte sei anni dopo. Il nipote di Madame Bollinger, Christian Bizot, subentrò a Claude nel 1978. Grande viaggiatore, come sua zia Lily prima di lui, si incontrò con sommelier, ristoratori e commercianti di vino per promuovere i vini della Maison. Un grande presidente, era ben noto per la sua schiettezza e informalità.


Continuità - Andare Avanti nello Spirito della Tradizione



Nel 1994 sarebbe stato nientemeno che il pronipote del fondatore Joseph Bollinger a diventare capo della Casa. Dopo aver iniziato la sua carriera in Cile, Ghislain de Montgolfier ha continuato a sviluppare la Maison puntando all'eccellenza come luce guida. Continua a mantenere una politica di limitazione volontaria delle quantità prodotte per aumentare la qualità, rimanendo fedele allo spirito di Bollinger. Un lavoratore instancabile, Ghislain ha un grande senso dell'umorismo e combina il rigore scientifico con l'entusiasmo per il successo. Nel 2007 la sua esperienza tecnica lo ha portato ad essere eletto a capo del consiglio di amministrazione dell'Union des Maisons de Champagne e co-presidente del Comité interprofessionnel du vin de Champagne.


Il Futuro - La Casa Oggi e Domani



Nel 2008, per la prima volta nella sua storia, la Maison ha affidato il proprio futuro alle cure di un Presidente non familiare. La loro scelta è caduta su Jérôme Philipon, originario della regione della Champagne, che aveva condotto un'impressionante carriera con grandi gruppi industriali. La scelta potrebbe essere inaspettata, ma Bollinger non ha mai esitato a rifiutare la conformità per il bene della Casa e dei suoi vini! Con il sostegno della famiglia Bollinger, Jérôme Philipon ha esteso il programma di modernizzazione e investimento del suo predecessore. Con lui, la Maison ha continuato a preservare la sua tradizionale esperienza incorporando il meglio delle nuove tecnologie per il futuro sviluppo del marchio, sia in termini di qualità che di crescita commerciale.


Un'Eredità Sofisticata - Un Mondo


La Casa di Famiglia - Una Casa Elegante e Storica



La presenza di Madame Bollinger può ancora essere sentita fortemente nella casa di famiglia al 16, rue Jules Lobet in Aÿ. La sua discreta raffinatezza può essere rilevata nella raffinatezza di ogni dettaglio e nell'eleganza apparentemente semplice della casa. L'edificio dell'archivio si trova sul lato opposto del cortile. Vecchie fotografie, libri contabili e menu con sorprendenti abbinamenti di cibo e vino sono conservati al sicuro, perché Madame Bollinger custodiva tutto con la massima cura. Al giardino si accede attraverso un museo degli attrezzi tradizionali, dove rari esemplari in legno e metallo testimoniano un'epoca passata. Sotto i venerabili alberi del giardino si trova un segreto la ghiacciaia dove un tempo veniva conservato il cibo. Dietro le alte mura, i suoni del villaggio sembrano svanire nel nulla; è come se il tempo si fosse fermato nella bellezza e nella pace di questo giardino.


Uno Stile di Vita - Nel Cuore della Base Storica di Aÿ



Lo spirito Bollinger è nato qui, nei vicoli e nei vicoli di Aÿ. Dal cortile dove si lasciano appassire le botti di legno, pochi passi vi porteranno alla cantina dove sono conservate le botti piene. Due strade più in alto, presso il lotto di Chaudes Terres, c'è la stanza della vasca con i suoi luccicanti tini di acciaio inossidabile termoregolati. Da esso, una scala conduce alla cantina dove vengono sboccate le bottiglie. Questo è il luogo in cui si concentra l'intero processo di vinificazione di Bollinger. Appena si apre una porta arriva alle orecchie il suono di un'attività costante: botti in movimento, macchine in funzione… Anche il vino non rimane completamente fermo: i tappi utilizzati per tappare le botti si muovono durante la fermentazione. Questo moto perpetuo è in netto contrasto con il tranquillo silenzio delle cantine dove, nella frescura ovattata di passaggi secolari, il vino attende pazientemente che sia pronto.


Attorno al Mondo - Una Lunga Tradizione di Importanza Internazionale



Una casa a conduzione familiare nel cuore della zona vinicola dello Champagne, Bollinger è comunque presente in oltre 100 paesi. Fin dall'inizio la Maison ha privilegiato la promozione dei propri vini all'estero. Il rapporto molto stretto di Bollinger con l'Inghilterra iniziò nel 1858 quando Joseph Bollinger incontrò Ludwig Mentzendorff, un caricatore di vini che si era recentemente stabilito a Londra. La loro forte amicizia è stata alla base di un duraturo rapporto di fiducia che continua ancora oggi e che ha reso Bollinger il più britannico degli champagne! In tutto il mondo, la Maison ei suoi agenti condividono una solida base di valori comuni. Bollinger ha fatto la scelta impegnativa di costruire rapporti duraturi con i propri agenti per garantire una rete di distribuzione di qualità.


Il Mio Nome è Bond - Eleganza Inglese



Il rapporto tra Bollinger e l'agente segreto britannico risale agli anni in cui quest'ultimo era un eroe esclusivamente letterario. Lo champagne prodotto dalla Maison di A è apparso nel 1956 nel quarto romanzo di Ian Fleming su Bond, Diamonds are Forever. Nel 1979, mentre 007 proseguiva le sue avventure sul grande schermo, la relazione raggiunse un punto di svolta cruciale: Christian Bizot, il presidente di Bollinger, incontrò Albert R. Broccoli, produttore della saga di James Bond. Fu l'inizio di una forte amicizia tra le due famiglie, che avrebbe suggellato la leggendaria associazione tra l'agente segreto di Sua Maestà e lo champagne a cui la regina Elisabetta aveva assegnato il suo mandato reale. Per 007 e Bollinger, che ha recitato nei film di Bond sin da Live and Let Die, condividono un certo numero di valori: passione per l'eccellenza, senso di raffinatezza ed eleganza consumata.


L'Arte della Vinificazione - La Vigna


La Tenuta Bollinger - Le Vigne Eccezionali Bollinger



I 178 ettari della casa sono piantati con l'85% di viti Grand Cru e Premier Cru, distribuiti su sette vigneti principali: Aÿ, Avenay, Tauxières, Louvois e Verzenay sono coltivati ​​a Pinot Noir, Cuis a Chardonnay e Champvoisy a Pinot Meunier. Bollinger è una delle pochissime maison di champagne a produrre la maggior parte delle proprie uve per le proprie miscele. Il Pinot Nero rappresenta il 60% del vigneto della Casa, corrispondente alla proporzione esatta di questo esigente vitigno nella miscela Special Cuvée. Complesso e potente, fornisce ai vini di Bollinger la loro notevole struttura. Un altro tratto distintivo di Bollinger sono due parcelle, Clos Saint-Jacques e Chaudes Terres, che non hanno mai ceduto alla fillossera, la malattia che ha devastato quasi tutta la zona viticola dello champagne all'inizio del XX secolo. Queste viti non innestate sono coltivate interamente a mano e riprodotte utilizzando una forma di stratificazione chiamata provignage, fornendo così i mezzi per preservare questo straordinario patrimonio da cui viene prodotta l'esclusiva cuvée Vieilles Vignes Françaises.


Di Giorno in Giorno - Preservare e Migliorare il Vigneto



I vigneti di Bollinger sono parte integrante della geografia della regione della Champagne, i loro filari dritti, che contano per alcuni dei più fitti piantati al mondo, creano un paesaggio altamente riconoscibile. Per preservare questa armonia, la casa migliora costantemente il suo vigneto sostituendo i pali di ferro con pali di pino, piantando fiori e installando segni di confine incontaminati. Bollinger sostiene anche la viticoltura sostenibile mediante l'inerbimento del terreno, utilizzando il controllo biologico dei parassiti, riducendo significativamente l'uso di erbicidi e riciclando i rifiuti di potatura. Piantare siepi e frutteti aiuta a preservare la biodiversità, mentre i 4 ettari del vigneto Côte aux Enfants sono gestiti in modo biologico. Bollinger è la prima casa di champagne ad ottenere la certificazione di Alto Valore Ambientale, che segna la forza del suo impegno a tutela del vigneto.


L'arte della Vinificazione - Le Professioni


Cooperazione - L'Ultima Bottega del Bottaio nella Regione dello Champagne



Entrare nella bottega del Bollinger Cooper (l'ultimo bottaio residente nella regione dello Champagne) è come fare un salto indietro nel tempo. I suoi strumenti ben organizzati rimandano a un'altra epoca. Il bottaio è un mestiere altamente qualificato: ognuna delle 3.500 botti invecchiate di Bollinger, di cui alcune hanno quasi 100 anni, richiede grande attenzione. Il legno, come il vino, è un materiale vivo, e il bottaio deve esaminare attentamente ogni doga per riparare quelle che sembrano cedere. Quando le botti non vengono utilizzate, devono essere riempite, essiccate e riparate con metodi tradizionali. Imparare a mantenere questa eredità in perfette condizioni richiede una formazione rigorosa, motivo per cui la botti è un mestiere che deve essere trasmesso alle generazioni più giovani. Bollinger attribuisce grande importanza alla conservazione di questa preziosa esperienza.


Il Maestro Bottaio - Uno Spirito di Eccellenza Ineguagliabile



Gilles Descôtes è il cantiniere di Bollinger. Questa professione richiede la massima accuratezza dal momento in cui la vendemmia è terminata, monitora i vini di ogni cru e di ogni appezzamento, cogliendone le caratteristiche specifiche. Sceglie i vini più pregiati da vinificare in vecchie botti di rovere, pratica che è quasi scomparsa nella produzione di champagne. Il processo di microossigenazione rivela con delicatezza la complessità dei vini e conferisce loro una straordinaria capacità di invecchiamento. Con pazienza e meticolosità il Maestro di cantina prepara ogni vino per il Comitato di degustazione quando arriva il momento di assemblare il blend dell'anno. Aggiunge anche vini di riserva accuratamente conservati, che forniscono una tavolozza quasi infinita di sfumature e carattere. Il maestro di cantina non deve essere semplicemente talentuoso; deve anche essere molto intuitivo per percepire come si svilupperanno i vini in modo che la miscela di oggi raggiunga la perfezione in futuro.


Lavorare le Vigne - Ottenere il Meglio dalle Vigne



Il direttore del vigneto di Bollinger decide come gestire le vigne. Tuttavia, ogni vignaiolo adatta queste linee guida al proprio terroir, poiché ogni appezzamento ha caratteristiche uniche. Ad Aÿ si piantano fiori di prateria per sbocciare tra le viti, mentre a Verzenay si semina il grano. Negli appezzamenti di Pinot Nero, destinati alla vinificazione in rosso, viene data priorità al raggiungimento della maturità ottimale: vengono sempre utilizzate tecniche di vendemmia verde e le uve vengono raccolte più tardi. I viticoltori che forniscono alla casa ulteriori forniture di uva applicano la stessa etica dell'eccellenza alla lavorazione delle viti. La maturità e la salute delle loro uve sono attentamente monitorate. Bollinger mantiene un rapporto speciale con questi viticoltori, molti dei quali sono stati fornitori fedeli per diverse generazioni. La Casa può essere assolutamente certa che le proprie uve siano prodotte con metodi diligenti e precisi che garantiscono la qualità del vino.


L'Arte della Vinificazione - Il Tempo


Il Processo di Invecchiamento - Il Massimo Lusso del Tempo



Il mondo sotterraneo delle cantine della Maison rivela tutta l'importanza del tempo a Bollinger's. Dopo la fermentazione primaria in piccole botti di acciaio inox o di legno il vino viene imbottigliato in primavera e fatto riposare nel silenzio pervadente delle cantine di gesso; Lo champagne Special Cuvée rimarrà lì per almeno tre anni e le cuvée vintage molto più a lungo. È questo lungo periodo di riposo che sviluppa gli aromi straordinariamente delicati del vino e conferisce alle bollicine la loro consistenza morbida. Ogni anno, alcuni dei migliori vini vengono aggiunti all'eccezionale collezione della Maison di 700.000 magnum di riserva che vengono conservati per l'assemblaggio di Special Cuvée. Tappati con tappi naturali durante una leggera fermentazione secondaria, questi magnum consentono ad ogni vino, di ogni cru e di ogni trama, di rivelare l'infinita sottigliezza del proprio bouquet e di sviluppare la sua piena complessità pur essendo protetto dall'ossidazione. Questo è un lusso che offre a Bollinger l'opportunità di far maturare i vini per molti anni prima di essere utilizzati. L'arte di utilizzare i vini di riserva ha raggiunto la perfezione assoluta!


La Ricerca della Perfezione - I Passaggi Finali



La ricerca dell'eccellenza di Bollinger non si ferma al processo di vinificazione. La sboccatura e la sboccatura di tutti i vini d'annata, con i loro tappi di sughero naturale, viene ancora effettuata a mano. La Maison ha sempre cercato di mantenere il naturale equilibrio dei suoi vini e aggiunge pochissimo zucchero in più. Bollinger non scende a compromessi anche nella scelta di far riposare le bottiglie per tre mesi dopo la sboccatura per dare al vino tutto il tempo necessario per stabilizzarsi. Il tocco finale è dato in un nuovissimo edificio a Oger, situato nei vigneti della Côte des Blancs, dove tecnologia moderna e perfezione vanno di pari passo. Qui, in mezzo al trambusto dei macchinari, le bottiglie si vestono finalmente dei colori della Casa. Etichettati e confezionati, sono finalmente pronti per essere spediti ai clienti di tutto il mondo.


Champagne Vintage - Un Significato Molto Speciale



Bollinger non cerca di produrre cuvée vintage a tutti i costi. Viene effettuata solo quando una vendemmia si rivela assolutamente eccezionale: l'uva deve essere perfettamente matura e presentare un equilibrio ideale tra zuccheri e acidi. L'impegno senza compromessi della Maison nel far corrispondere lo status vintage solo alle annate migliori ha dato origine al nome di questa cuvée eccezionale. La Grande Année e La Grande Année Rosé, le cuvée di prestigio della Maison, sono dimostrazioni convincenti delle straordinarie qualità di un'annata. Vinificate esclusivamente in botti, illustrano l'interpretazione di Bollinger di una vendemmia. L'eccezionale cuvée Bollinger R.D. porta queste annate a un livello ancora più alto con un periodo di affinamento sui lieviti notevolmente lungo. Questo è uno champagne che dimostra davvero i vantaggi degli anni che passano.


A Perfect Moment



Dal 1829, lo Champagne Bollinger coltiva la sua singolarità combinando savoir-faire e modernità. In linea con questa filosofia, la Maison continua la sua tradizione innovativa dando vita alla sua promessa "Life Can Be Perfect".


Il 20 marzo 2015 avrà luogo un'eclissi solare totale, visibile nella sua interezza da un solo punto sulla Terra: la regione norvegese dello Spitzbergen. Per celebrare questo fenomeno eccezionale, Bollinger ti offre una straordinaria opportunità di vivere "A Perfect Moment". A bordo di un Falcon 7X privatizzato, in grado di volare sopra le nuvole nella stratosfera a un'altitudine di 14.935 metri, il nostro fortunato vincitore del concorso avrà il privilegio di vivere da vicino questo spettacolo sensazionale. Accompagnato da Jérôme Philipon, Presidente della Maison, il vincitore avrà il privilegio di essere uno dei primi ad assaggiare la nuova annata de La Grande Année.


Prodotti Bollinger Champagne

Bollinger Champagne


Maison Fondée en 1829



Dal 1829 Bollinger produceva grandi champagne con uno stile potente, sofisticato e complesso.



Un'Eredità Sofisticata - Uno Stile



La Casa di Hetos -  Una Certa Forma di Perfezione



Dal 1829, la Bollinger champagne House ha creato champagne prestigiosi con carattere, contraddistinti dalla loro eleganza e complessità. Questi vini eccezionali sono il risultato di una rigorosa attenzione ai dettagli, perché Bollinger accetta niente di meno che l'eccellenza. Ogni dettaglio rappresenta la ricerca di una certa forma di perfezione.Questo spirito senza compromessi indipendente, dedicato a risultati senza ostentazione, esemplifica l'eleganza inimitabile per la quale la regione dello Champagne è rinomata e che ha così impressionato la Corte d'Inghilterra che la Maison è stata premiata il Royal Warrant dal 1884.


L'Essenziale - L'Unicità della Casa



Il vigneto Bollinger si estende per 165 ettari, la maggior parte dei quali classificati Grand o Premier cru. Predomina il Pinot Nero, un vitigno esigente dal carattere intenso che costituisce la spina dorsale dello stile Bollinger. La continuità dello stile è assicurata da una collezione eccezionale di oltre 700.000 magnum di riserva, che fanno di Bollinger l'unica casa di champagne con una tavolozza di aromi così ampia e precisa per le loro miscele.A garanzia di qualità suprema, i migliori cru vengono vinificati in legno grazie a uno stock di 3.500 botti piccole e invecchiate. La Maison lascia maturare i suoi vini per il doppio del tempo richiesto dalla denominazione. Non per vanità, ma perché un grande vino ha bisogno del lusso del tempo per sviluppare appieno il suo carattere.


Precisione in Azione



Poiché la qualità è ancorata nella precisione di ogni movimento da eseguire, ogni fase della produzione dei vini Bollinger è contrassegnata da un'azione specifica. Tramandati e perfezionati di generazione in generazione per quasi due secoli, questi segreti di produzione sono uno dei più grandi patrimoni della Maison, Pollinger non cede mai alla facile opzione: laddove le tecniche ancestrali hanno dimostrato di garantire la massima qualità, vengono preservate, sfidando questa scelta potrebbe provare. Svuotamento manuale, magnum di riserva e cuvée vintage tappate con tappi naturali e un bottaio residente: la Maison perpetua con orgoglio antiche abilità e preziosi mestieri. Bollinger è la prima casa produttrice di champagne ad ottenere il prestigioso marchio di qualità Patrimoine Vivant (patrimonio vivente) che ricompensa l'eccezionale maestria e abilità.


Un'Eredità Sofisticata - Una Storia


L'Inizio - 1829 - Un Aristocratico Avventuroso e Due Esperti di Vino



La storia è iniziata con Athanase de Villermont, il figlio più giovane di una nobile famiglia con un destino brillante. Un grande soldato che ha brillato durante la guerra d'indipendenza americana, ha ereditato una vasta tenuta dalla sua famiglia nella zona di Aÿ. Ha intuito subito le straordinarie potenzialità dei vini di Champagne, ma in quanto aristocratico gli è stato proibito di dedicarsi al commercio. Ha poi incontrato Joseph Bollinger, un tedesco molto viaggiato che aveva lasciato il suo paese natale per conoscere il commercio del vino dello Champagne, e Paul Renaudin, un uomo del posto che era affascinato dal mondo del vino. L'azienda Renaudin-Bollinger & Cie fu fondata il 6 febbraio 1829. Joseph si occupava delle vendite e Paul della cantina. Athanase aveva fondato una casa di champagne che doveva durare nei secoli.


Successione - Con la Successione Arrivò un Momento di Sfide



Joseph Bollinger sposò Louise-Charlotte, figlia di Athanase, nel 1837. Col tempo i loro figli, Joseph e poi Georges, rilevarono l'attività. Dalla crisi della fillossera ai disordini della Grande Guerra, dovevano affrontare alcune delle più grandi sfide della Casa. Sotto la guida dei due fratelli, Bollinger acquisì comunque grande fama e ampliò notevolmente i suoi vigneti. Nel 1920 Jacques Bollinger, figlio di Georges, si ritrovò al timone della Casa: un fardello pesante per un 24enne. Ha affrontato la sfida con coraggio, aiutato dai cugini Pierre e poi da Yves Moret de Rocheprise; perché la forza di Bollinger risiede anche nei suoi potenti legami familiari. Esperto, colto e di lingua inglese fluente, Jacques aumentò l'importanza di Bollinger attraverso la Manica. Ha guidato la Camera con grande saggezza negli anni difficili della recessione e della seconda guerra mondiale e come sindaco di Aÿ si è impegnato a proteggere il suo villaggio.


Elegance - Madame Bollinger



Quando la scozzese Elizabeth Bollinger (nata Law de Lauriston-Boubers) sposò Jacques nel 1923, anche lei si sarebbe appassionata al destino della Maison. Aveva solo 42 anni quando ha perso il marito al culmine della guerra. Senza esitazione e con grande dignità intervenne per prendere la fiaccola. "Madame Jacques", come era conosciuta all'interno della Maison, si è gettata anima e corpo nel suo nuovo ruolo. Durante le sue numerose visite all'estero la sua grazia e il suo fascino naturali hanno fatto miracoli. Allegra e arguta, Madame Bollinger è stata comunque una formidabile stratega. Un'impavida imprenditrice, era anche molto perfezionista e tollerava niente di meno che l'eccellenza. Era sempre pronta a innovare, ed era la forza trainante dietro l'originalissima cuvée Bollinger RD. L'immagine familiare del suo ciclismo tra i vigneti è impressa nella memoria di tutti.


La Dinastia - Prepararsi per il Futuro



Con il suo consueto buon senso, Madame Bollinger ha raccolto intorno a lei quei membri della famiglia che erano più in grado di seguire le sue orme. In primo luogo ha insegnato a Claude d’Hautefeuille, il marito di sua nipote, i dettagli della casa. Nel 1950 divenne direttore e lanciò un ambizioso programma di ammodernamento nel rispetto dei requisiti di qualità di Bollinger. La signora Bollinger lo ha nominato presidente nel 1971, ma è rimasta strettamente coinvolta fino alla sua morte sei anni dopo. Il nipote di Madame Bollinger, Christian Bizot, subentrò a Claude nel 1978. Grande viaggiatore, come sua zia Lily prima di lui, si incontrò con sommelier, ristoratori e commercianti di vino per promuovere i vini della Maison. Un grande presidente, era ben noto per la sua schiettezza e informalità.


Continuità - Andare Avanti nello Spirito della Tradizione



Nel 1994 sarebbe stato nientemeno che il pronipote del fondatore Joseph Bollinger a diventare capo della Casa. Dopo aver iniziato la sua carriera in Cile, Ghislain de Montgolfier ha continuato a sviluppare la Maison puntando all'eccellenza come luce guida. Continua a mantenere una politica di limitazione volontaria delle quantità prodotte per aumentare la qualità, rimanendo fedele allo spirito di Bollinger. Un lavoratore instancabile, Ghislain ha un grande senso dell'umorismo e combina il rigore scientifico con l'entusiasmo per il successo. Nel 2007 la sua esperienza tecnica lo ha portato ad essere eletto a capo del consiglio di amministrazione dell'Union des Maisons de Champagne e co-presidente del Comité interprofessionnel du vin de Champagne.


Il Futuro - La Casa Oggi e Domani



Nel 2008, per la prima volta nella sua storia, la Maison ha affidato il proprio futuro alle cure di un Presidente non familiare. La loro scelta è caduta su Jérôme Philipon, originario della regione della Champagne, che aveva condotto un'impressionante carriera con grandi gruppi industriali. La scelta potrebbe essere inaspettata, ma Bollinger non ha mai esitato a rifiutare la conformità per il bene della Casa e dei suoi vini! Con il sostegno della famiglia Bollinger, Jérôme Philipon ha esteso il programma di modernizzazione e investimento del suo predecessore. Con lui, la Maison ha continuato a preservare la sua tradizionale esperienza incorporando il meglio delle nuove tecnologie per il futuro sviluppo del marchio, sia in termini di qualità che di crescita commerciale.


Un'Eredità Sofisticata - Un Mondo


La Casa di Famiglia - Una Casa Elegante e Storica



La presenza di Madame Bollinger può ancora essere sentita fortemente nella casa di famiglia al 16, rue Jules Lobet in Aÿ. La sua discreta raffinatezza può essere rilevata nella raffinatezza di ogni dettaglio e nell'eleganza apparentemente semplice della casa. L'edificio dell'archivio si trova sul lato opposto del cortile. Vecchie fotografie, libri contabili e menu con sorprendenti abbinamenti di cibo e vino sono conservati al sicuro, perché Madame Bollinger custodiva tutto con la massima cura. Al giardino si accede attraverso un museo degli attrezzi tradizionali, dove rari esemplari in legno e metallo testimoniano un'epoca passata. Sotto i venerabili alberi del giardino si trova un segreto la ghiacciaia dove un tempo veniva conservato il cibo. Dietro le alte mura, i suoni del villaggio sembrano svanire nel nulla; è come se il tempo si fosse fermato nella bellezza e nella pace di questo giardino.


Uno Stile di Vita - Nel Cuore della Base Storica di Aÿ



Lo spirito Bollinger è nato qui, nei vicoli e nei vicoli di Aÿ. Dal cortile dove si lasciano appassire le botti di legno, pochi passi vi porteranno alla cantina dove sono conservate le botti piene. Due strade più in alto, presso il lotto di Chaudes Terres, c'è la stanza della vasca con i suoi luccicanti tini di acciaio inossidabile termoregolati. Da esso, una scala conduce alla cantina dove vengono sboccate le bottiglie. Questo è il luogo in cui si concentra l'intero processo di vinificazione di Bollinger. Appena si apre una porta arriva alle orecchie il suono di un'attività costante: botti in movimento, macchine in funzione… Anche il vino non rimane completamente fermo: i tappi utilizzati per tappare le botti si muovono durante la fermentazione. Questo moto perpetuo è in netto contrasto con il tranquillo silenzio delle cantine dove, nella frescura ovattata di passaggi secolari, il vino attende pazientemente che sia pronto.


Attorno al Mondo - Una Lunga Tradizione di Importanza Internazionale



Una casa a conduzione familiare nel cuore della zona vinicola dello Champagne, Bollinger è comunque presente in oltre 100 paesi. Fin dall'inizio la Maison ha privilegiato la promozione dei propri vini all'estero. Il rapporto molto stretto di Bollinger con l'Inghilterra iniziò nel 1858 quando Joseph Bollinger incontrò Ludwig Mentzendorff, un caricatore di vini che si era recentemente stabilito a Londra. La loro forte amicizia è stata alla base di un duraturo rapporto di fiducia che continua ancora oggi e che ha reso Bollinger il più britannico degli champagne! In tutto il mondo, la Maison ei suoi agenti condividono una solida base di valori comuni. Bollinger ha fatto la scelta impegnativa di costruire rapporti duraturi con i propri agenti per garantire una rete di distribuzione di qualità.


Il Mio Nome è Bond - Eleganza Inglese



Il rapporto tra Bollinger e l'agente segreto britannico risale agli anni in cui quest'ultimo era un eroe esclusivamente letterario. Lo champagne prodotto dalla Maison di A è apparso nel 1956 nel quarto romanzo di Ian Fleming su Bond, Diamonds are Forever. Nel 1979, mentre 007 proseguiva le sue avventure sul grande schermo, la relazione raggiunse un punto di svolta cruciale: Christian Bizot, il presidente di Bollinger, incontrò Albert R. Broccoli, produttore della saga di James Bond. Fu l'inizio di una forte amicizia tra le due famiglie, che avrebbe suggellato la leggendaria associazione tra l'agente segreto di Sua Maestà e lo champagne a cui la regina Elisabetta aveva assegnato il suo mandato reale. Per 007 e Bollinger, che ha recitato nei film di Bond sin da Live and Let Die, condividono un certo numero di valori: passione per l'eccellenza, senso di raffinatezza ed eleganza consumata.


L'Arte della Vinificazione - La Vigna


La Tenuta Bollinger - Le Vigne Eccezionali Bollinger



I 178 ettari della casa sono piantati con l'85% di viti Grand Cru e Premier Cru, distribuiti su sette vigneti principali: Aÿ, Avenay, Tauxières, Louvois e Verzenay sono coltivati ​​a Pinot Noir, Cuis a Chardonnay e Champvoisy a Pinot Meunier. Bollinger è una delle pochissime maison di champagne a produrre la maggior parte delle proprie uve per le proprie miscele. Il Pinot Nero rappresenta il 60% del vigneto della Casa, corrispondente alla proporzione esatta di questo esigente vitigno nella miscela Special Cuvée. Complesso e potente, fornisce ai vini di Bollinger la loro notevole struttura. Un altro tratto distintivo di Bollinger sono due parcelle, Clos Saint-Jacques e Chaudes Terres, che non hanno mai ceduto alla fillossera, la malattia che ha devastato quasi tutta la zona viticola dello champagne all'inizio del XX secolo. Queste viti non innestate sono coltivate interamente a mano e riprodotte utilizzando una forma di stratificazione chiamata provignage, fornendo così i mezzi per preservare questo straordinario patrimonio da cui viene prodotta l'esclusiva cuvée Vieilles Vignes Françaises.


Di Giorno in Giorno - Preservare e Migliorare il Vigneto



I vigneti di Bollinger sono parte integrante della geografia della regione della Champagne, i loro filari dritti, che contano per alcuni dei più fitti piantati al mondo, creano un paesaggio altamente riconoscibile. Per preservare questa armonia, la casa migliora costantemente il suo vigneto sostituendo i pali di ferro con pali di pino, piantando fiori e installando segni di confine incontaminati. Bollinger sostiene anche la viticoltura sostenibile mediante l'inerbimento del terreno, utilizzando il controllo biologico dei parassiti, riducendo significativamente l'uso di erbicidi e riciclando i rifiuti di potatura. Piantare siepi e frutteti aiuta a preservare la biodiversità, mentre i 4 ettari del vigneto Côte aux Enfants sono gestiti in modo biologico. Bollinger è la prima casa di champagne ad ottenere la certificazione di Alto Valore Ambientale, che segna la forza del suo impegno a tutela del vigneto.


L'arte della Vinificazione - Le Professioni


Cooperazione - L'Ultima Bottega del Bottaio nella Regione dello Champagne



Entrare nella bottega del Bollinger Cooper (l'ultimo bottaio residente nella regione dello Champagne) è come fare un salto indietro nel tempo. I suoi strumenti ben organizzati rimandano a un'altra epoca. Il bottaio è un mestiere altamente qualificato: ognuna delle 3.500 botti invecchiate di Bollinger, di cui alcune hanno quasi 100 anni, richiede grande attenzione. Il legno, come il vino, è un materiale vivo, e il bottaio deve esaminare attentamente ogni doga per riparare quelle che sembrano cedere. Quando le botti non vengono utilizzate, devono essere riempite, essiccate e riparate con metodi tradizionali. Imparare a mantenere questa eredità in perfette condizioni richiede una formazione rigorosa, motivo per cui la botti è un mestiere che deve essere trasmesso alle generazioni più giovani. Bollinger attribuisce grande importanza alla conservazione di questa preziosa esperienza.


Il Maestro Bottaio - Uno Spirito di Eccellenza Ineguagliabile



Gilles Descôtes è il cantiniere di Bollinger. Questa professione richiede la massima accuratezza dal momento in cui la vendemmia è terminata, monitora i vini di ogni cru e di ogni appezzamento, cogliendone le caratteristiche specifiche. Sceglie i vini più pregiati da vinificare in vecchie botti di rovere, pratica che è quasi scomparsa nella produzione di champagne. Il processo di microossigenazione rivela con delicatezza la complessità dei vini e conferisce loro una straordinaria capacità di invecchiamento. Con pazienza e meticolosità il Maestro di cantina prepara ogni vino per il Comitato di degustazione quando arriva il momento di assemblare il blend dell'anno. Aggiunge anche vini di riserva accuratamente conservati, che forniscono una tavolozza quasi infinita di sfumature e carattere. Il maestro di cantina non deve essere semplicemente talentuoso; deve anche essere molto intuitivo per percepire come si svilupperanno i vini in modo che la miscela di oggi raggiunga la perfezione in futuro.


Lavorare le Vigne - Ottenere il Meglio dalle Vigne



Il direttore del vigneto di Bollinger decide come gestire le vigne. Tuttavia, ogni vignaiolo adatta queste linee guida al proprio terroir, poiché ogni appezzamento ha caratteristiche uniche. Ad Aÿ si piantano fiori di prateria per sbocciare tra le viti, mentre a Verzenay si semina il grano. Negli appezzamenti di Pinot Nero, destinati alla vinificazione in rosso, viene data priorità al raggiungimento della maturità ottimale: vengono sempre utilizzate tecniche di vendemmia verde e le uve vengono raccolte più tardi. I viticoltori che forniscono alla casa ulteriori forniture di uva applicano la stessa etica dell'eccellenza alla lavorazione delle viti. La maturità e la salute delle loro uve sono attentamente monitorate. Bollinger mantiene un rapporto speciale con questi viticoltori, molti dei quali sono stati fornitori fedeli per diverse generazioni. La Casa può essere assolutamente certa che le proprie uve siano prodotte con metodi diligenti e precisi che garantiscono la qualità del vino.


L'Arte della Vinificazione - Il Tempo


Il Processo di Invecchiamento - Il Massimo Lusso del Tempo



Il mondo sotterraneo delle cantine della Maison rivela tutta l'importanza del tempo a Bollinger's. Dopo la fermentazione primaria in piccole botti di acciaio inox o di legno il vino viene imbottigliato in primavera e fatto riposare nel silenzio pervadente delle cantine di gesso; Lo champagne Special Cuvée rimarrà lì per almeno tre anni e le cuvée vintage molto più a lungo. È questo lungo periodo di riposo che sviluppa gli aromi straordinariamente delicati del vino e conferisce alle bollicine la loro consistenza morbida. Ogni anno, alcuni dei migliori vini vengono aggiunti all'eccezionale collezione della Maison di 700.000 magnum di riserva che vengono conservati per l'assemblaggio di Special Cuvée. Tappati con tappi naturali durante una leggera fermentazione secondaria, questi magnum consentono ad ogni vino, di ogni cru e di ogni trama, di rivelare l'infinita sottigliezza del proprio bouquet e di sviluppare la sua piena complessità pur essendo protetto dall'ossidazione. Questo è un lusso che offre a Bollinger l'opportunità di far maturare i vini per molti anni prima di essere utilizzati. L'arte di utilizzare i vini di riserva ha raggiunto la perfezione assoluta!


La Ricerca della Perfezione - I Passaggi Finali



La ricerca dell'eccellenza di Bollinger non si ferma al processo di vinificazione. La sboccatura e la sboccatura di tutti i vini d'annata, con i loro tappi di sughero naturale, viene ancora effettuata a mano. La Maison ha sempre cercato di mantenere il naturale equilibrio dei suoi vini e aggiunge pochissimo zucchero in più. Bollinger non scende a compromessi anche nella scelta di far riposare le bottiglie per tre mesi dopo la sboccatura per dare al vino tutto il tempo necessario per stabilizzarsi. Il tocco finale è dato in un nuovissimo edificio a Oger, situato nei vigneti della Côte des Blancs, dove tecnologia moderna e perfezione vanno di pari passo. Qui, in mezzo al trambusto dei macchinari, le bottiglie si vestono finalmente dei colori della Casa. Etichettati e confezionati, sono finalmente pronti per essere spediti ai clienti di tutto il mondo.


Champagne Vintage - Un Significato Molto Speciale



Bollinger non cerca di produrre cuvée vintage a tutti i costi. Viene effettuata solo quando una vendemmia si rivela assolutamente eccezionale: l'uva deve essere perfettamente matura e presentare un equilibrio ideale tra zuccheri e acidi. L'impegno senza compromessi della Maison nel far corrispondere lo status vintage solo alle annate migliori ha dato origine al nome di questa cuvée eccezionale. La Grande Année e La Grande Année Rosé, le cuvée di prestigio della Maison, sono dimostrazioni convincenti delle straordinarie qualità di un'annata. Vinificate esclusivamente in botti, illustrano l'interpretazione di Bollinger di una vendemmia. L'eccezionale cuvée Bollinger R.D. porta queste annate a un livello ancora più alto con un periodo di affinamento sui lieviti notevolmente lungo. Questo è uno champagne che dimostra davvero i vantaggi degli anni che passano.


A Perfect Moment



Dal 1829, lo Champagne Bollinger coltiva la sua singolarità combinando savoir-faire e modernità. In linea con questa filosofia, la Maison continua la sua tradizione innovativa dando vita alla sua promessa "Life Can Be Perfect".


Il 20 marzo 2015 avrà luogo un'eclissi solare totale, visibile nella sua interezza da un solo punto sulla Terra: la regione norvegese dello Spitzbergen. Per celebrare questo fenomeno eccezionale, Bollinger ti offre una straordinaria opportunità di vivere "A Perfect Moment". A bordo di un Falcon 7X privatizzato, in grado di volare sopra le nuvole nella stratosfera a un'altitudine di 14.935 metri, il nostro fortunato vincitore del concorso avrà il privilegio di vivere da vicino questo spettacolo sensazionale. Accompagnato da Jérôme Philipon, Presidente della Maison, il vincitore avrà il privilegio di essere uno dei primi ad assaggiare la nuova annata de La Grande Année.


Prodotti Bollinger Champagne

Visualizzando 1 - 20 di 20
Visualizzando 1 - 20 di 20