Partnerships

Extra

 

Presentazione e Prodotti OP Latium - Sabina DOP

OP Latium - Sabina DOP - Nostrum


OP Latium - Organizzazione di Filiera dei Produttori Olivicoli del Lazio"Latium"



Operiamo per il miglioramento qualitativo dei nostri prodotti e la loro valorizzazione sui mercati attraverso sistemi di tracciabilità e di certificazione del prodotto.

OP Latium è la più grande organizzazione di produttori olivicoli del Lazio. Rappresentiamo una compagine sociale di circa 9000 aziende agricole che operano nelle principali aree olivicole del Lazio, con una rete di 50 filiere tracciate e presidiate.




Disponiamo inoltre di una produzione diretta di olio extra vergine, ottenuto nei nostri frantoi in Sabina, terra storicamente nota per la sua plurimillenaria tradizione olivicola.

Con la nostra presenza capillare ed il profondo radicamento sul territorio offriamo ai consumatori solo il meglio della produzione olivicola locale e regionale, garantendo al tempo stesso la qualità del prodotto, la tutela dell'ambiente e la giusta remunerazione delle imprese agricole.



Sabina DOP



Il Sabina D.O.P. è un olio extravergine di oliva ottenuto dalle varietà di olive Carboncella, Leccino, Raja, Frantoio, Olivastrone, Moraiolo, Olivago, Salviana e Rosciola.



Le olive destinate alla produzione dell'olio di oliva extravergine della Denominazione di Origine Protetta "Sabina" devono essere prodotte nel territorio della Sabina idoneo alla produzione di olio con le caratteristiche e livello qualitativo previsti dal presente disciplinare di produzione.



L'olio Sabina Dop ha un colore giallo - verde con sfumature oro, il suo sapore è fruttato, vellutato, uniforme, aromatico, dolce, amaro e piccante per gli oli freschissimi. Armonico e versatile in cucina, è ottimo nell'utilizzo a crudo.


Oleum Nostrum



Oleum Nostrum è l'olio extra vergine di oliva 100% Made in Italy Tracciato UNI EN ISO 22005/07 prodotto da OP Latium.

Erede dell'"Oro Verde" dell'antica Roma, è un olio extra vergine estratto in Italia solo da olive coltivate in Italia.




I frutti destinati alla sua produzione sono raccolti al giusto grado di maturazione direttamente dall'albero con l'ausilio di pettini ed agevolatori meccanici, conservate in casse forate per garantirne la freschezza ed avviate alla frangitura entro 24 ore per assicura il massimo livello qualitativo al prodotto finale.

L'olio ottenuto è profumato ed equilibrato e ben si sposa con i piatti e gli accostamenti gastronomici della Dieta Mediterranea.


Prodotti



La tracciabilità ha assunto un ruolo determinante sul mercato per differenziare i prodotti agroalimentari, garantire al consumatore l'origine del prodotto, perseguire una maggiore trasparenza e controllo del mercato e presidio della filiera.

La certificazione di filiera garantisce al consumatore alcuni elementi fondamentali: innanzitutto la certezza dell'origine quindi l'elevato standard di qualità, la sicurezza alimentare e la trasparenza di tutti gli attori che compongono la filiera.

OP Latium commercializza olio extra vergine e olive da tavola tracciati in conformità alla norma ISO 22005:07 ed altri prodotti di altissima qualità come bruschette, patè, creme, sottoli e gelatine.


Olio di Oliva Extra Vergine Italiano tracciato ai sensi della norma UNI EN ISO 22005/07



Olio di oliva made in Italy extravergine certificato ai sensi della norma UNI EN ISO 22005/07 (tracciabilità di filiera) e Tracciato UNI EN ISO 22005/07 + disciplinare "100% alta qualità italiana" che prevede requisiti sia di prodotto che di sistema più stringenti rispetto alla normativa cogente.

Il programma di rintracciabilità promosso dall'Unaprol al quale OP Latium aderisce si pone ha l'obiettivo di assicurare il top della qualità e della sicurezza, lungo tutta la filiera, dalla fase agricola di campo a quella di trasformazione/confezionamento. I processi di coltivazione, raccolta, trasformazione delle olive in olio, conservazione ed imbottigliamento sono tutti certificati da un ente terzo conformemente alla norma UNI EN ISO 22005:08e disciplinare alta qualità italiana.


Olive da tavola nere "Gaeta al Naturale" tracciate ai sensi della norma UNI EN ISO 22005/07



L'oliva itrana lavorata secondo il metodo "Gaeta al naturale" si caratterizza per la forma leggermente affusolata, il colore violaceo, il sapore vinoso ed amarognolo con leggere sfumature acetiche. La raccolta del frutto avviene a maturazione ultimata, nel mese di marzo. La stagionatura dura alcuni mesi ed avviene in appositi contenitori con l'impiego di acqua e sale, senza l'aggiunta di nessun conservante e coadiuvante nei processi di fermentazione. Per questo motivo l'oliva Gaeta possiede un grande valore nutritivo ed è ricca di polifenoli e antiossidanti naturali.

Le olive di tipo "Gaeta al naturale" commercializzate da OP LATIUM sono tracciate secondo la norma UNI EN ISO 22005/07 secondo un apposito "Disciplinare Tecnico di Filiera" (DTF). Il disciplinare ha lo scopo di garantire la rintracciabilità delle olive di tavola lungo l'intera filiera produttiva a partire dalla produzione primaria.


Olive da tavola "Itrana Bianca"




Le olive da tavole di tipo "Itrana Bianca" si differenziano dalle "Gaeta" per la loro croccantezza ed il sapore deciso, sfizioso e pungente. Deliziose se incisa o schiacciata e condita con olio extra vergine, erbe aromatiche, aglio e peperoncino.


La raccolta avviene quando l'oliva è leggermente invaiata, in genere nel mese di dicembre, la stagionatura avviene semplicemente in acqua e sale e dura alcuni mesi. L'utilizzo pi&eugrave; diffuso in cucina è come antipasto o ad integrazione di sfiziosi aperitivi.


Monitoraggio, Ambiente, Competitività, Qualità, Tracciabilità



OP Latium partecipa nella ai programmi di attività delle organizzazioni di operatori nel settore oleicolo Reg.ti (UE) 611/14 e 615/14 svolti da Unaprol - Consorzio Olivicolo Italiano nel triennio 2015-2018.

Con una compagine sociale di circa 9000 aziende, di cui 21 cooperative in tutte le aree a vocazione olivicola del Lazio ed una rete di 50 filiere tracciate nell'ambito dei progetti svolti negli anni precedenti, OP Latium rappresenta un'organizzazione capillare che intende fornire alle imprese olivicole strumenti e servizi per la valorizzazione del proprio prodotto.

Coerentemente con quanto previsto dai Regolamenti di riferimento e con l'obiettivo di offrire il massimo supporto possibile a tutte le imprese agricole professionali che necessitano di assistenza tecnica qualificata e credono nella nostra strategia commerciale, OP Latium ha scelto di attivare le seguenti misure:

Ambito 1 - Monitoraggio e gestione amministrativa del mercato nel settore dell'olio d'oliva e delle olive da tavola

Misura - 1.a) Monitoraggio e gestione amministrativa del mercato nel settore dell'olio d'oliva e delle olive da tavola.


OP Latium partecipa al programma triennale Unaprol di monitoraggio del settore olivicolo per il periodo aprile 2015 - marzo 2018, comprendente le seguenti attività:

- Monitoraggio dei dati di mercato e socio-strutturali di un campione di aziende olivicole stratificato su tutto il territorio nazionale e rappresentativo delle diverse zone regionali;
- Elaborazione di studi, riguardanti aspetti correlati all'ambiente ed al miglioramento della qualità degli oli e delle olive da tavola.

Le principali informazioni da raccogliere riguardano le diverse categorie di oli di oliva e delle olive da tavola, distinguendo le categorie convenzionali dalle produzioni destinate a certificazioni comunitarie (Dop, Igp, Bio,).


Ambito 2 - Miglioramento dell'impatto ambientale dell'olivicoltura

Misura - 2.a) Elaborazione di buone pratiche agricole per l'olivicoltura, basate su criteri ambientali adattati alle condizioni locali, nonchè la loro diffusione presso gli olivicoltori il monitoraggio della loro applicazione pratica.



Tale misura è stata attiva da OP Latium allo scopo di aiutare le aziende ad ottenere una produzione di qualità ed allo stesso tempo sostenibile e rispettosa dell'ambiente. A tempo stesso si persegue l'obiettivo della razionalizzazione dei costi di produzione: tutte le operazioni colturali oggi incidono pesantemente sul prezzo finale del prodotto ed in un mercato dove occorre competere sui costi di produzione tale azione assume ancora più rilievo se letta in chiave commerciale.

Lo strumento attraverso cui razionalizzare le pratiche agronomiche è rappresentato da un disciplinare di produzione a basso impatto ambientale che consenta di ottenere una produzione sicura e sostenibile, e - al tempo - di abbatterne i costi. La gestione ed il rispetto di questo disciplinare sarà garantito da un'assistenza tecnica specialistica - con annessi mezzi tecnici - fornita ai soci attraverso l'attivazione di sportelli tecnici nell'OP che nelle strutture cooperative.

Misura - 2.b) Dimostrazione pratica di tecniche alternative all'impiego di prodotti chimici per la lotta alla mosca delle olive, nonchè progetti di osservazione dell'andamento stagionale dell'infestazione.



Questa misura, oltre alla sua rilevanza in termini di tutela dell'ambiente, si rivela strategica ai fini della garanzia della qualità e della quantità del prodotto, nonchè al contenimento dei costi aziendali in quanto l'osservazione dell'andamento stagionale dell'infestazione dei vari patogeni, tra cui la mosca dell'olivo, consente di offrire alle aziende informazioni chiare e tempestive sulle migliori pratiche da adottare per contenere i danni alla produzione.


Ambito 3 - Miglioramento della competitività attraverso la modernizzazione

Misura - 3.a) Iniziative di formazione e comunicazione.



L'informazione e l'educazione alimentare del consumatore diventano priorità assolute a fronte di un mercato dell'olio di oliva e olive da tavola sempre meno trasparente, dove le frodi aumentano in maniera esponenziale.

A tempo stesso risulta essenziale formare gli operatori della filiera sui punti di forza e sulle differenze qualitative e salutistiche del vero olio italiano di qualità anche al fine di garantirne il giusto riconoscimento sul mercato. Per questo motivo OP Latium ha scelto di attivare questa misura, mirata a formare e comunicare agli operatori della filiera ed ai consumatori la qualità e l'unicità degli oli di oliva laziali.


Ambito 4 - Miglioramento della della qualità della produzione di olio d'oliva e delle olive da tavola

Misura - 4.a) Miglioramento delle condizioni di coltivazione, di raccolta, di consegna e di magazzinaggio delle olive prima della trasformazione e connessa assistenza tecnica.



Questa misura si riferisce alle fasi di lavorazione che precedono la trasformazione delle olive: coltivazione, raccolta, consegna e stoccaggio in magazzino.

Beneficiari delle misura saranno tutte quelle imprese che adottano sistemi di coltivazione tradizionali e necessitano di razionalizzare le operazioni svolte anche ai fini delcontenimento dei costi. Se è vero, infatti, che cambiamenti rilevanti sono stati realizzati nell'ambito dei processi di estrazione dell'olio, non vi è sempre stato un rinnovamento paragonabile nella produzione della materia prima.

Oltre al monitoraggio dei patogeni, mediante le azioni previste nella misura, si offrirà quindi alle imprese olivicole un'assistenza tecnica specialistica specificamente riferita alle fasi produttive sopra menzionate, al fine di ottenere una maggiore economicità di gestione degli impianti olivicoli, il mantenimento di elevate produttività, un'elevataqualità degli oli ed un minore impatto ambientale, nella convinzione che "la qualità si fa in campo ed in frantoio occorre solo preservarla.

Misura - 4.b) Miglioramento delle condizioni di magazzinaggio e di valorizzazione dei residui della produzione dell'olio d'oliva e delle olive da tavola e il miglioramento delle condizioni di imbottigliamento dell'olio di oliva.



Per mezzo di tale misura OP Latium intende affrontare e introdurre innovazioni nella gestione dei residui dell'olio di oliva e delle olive da tavola secondo l'approccio da "rifiuto a risorsa" sviluppando una filiera energetica derivante da nocciolino estratto da sanse a due e tre fasi.

In un contesto di economia sostenibile infatti, si considera oggi prioritario garantire una adeguata gestione dei sottoprodotti dell'estrazione meccanica degli oli vergini di oliva: il recupero e la corretta gestione del nocciolino rappresenta un'alternativa interessante per trarre reddito vista la grande diffusione di stufe a pellet e, più di recente, anche di stufe appositamente progettate per il nocciolino stesso.

All'interno dello stabilimento OP di Palombara Sabina (RM) la gestione delle sanse verrà quindi implementata ai fini dell'ottenimento di nocciolino.

Saranno inoltre sperimentate le condizioni di maggiore redditività, per definire un modello da applicare nelle varie unità operative nonchè acuto; presso le filiere di OP Latium, intervenendo su logistica, trasporto e stoccaggio per definire un modello di gestione che sia remunerativo e applicabile alla realtà olivicola delle singole zone.

Misura - 4.c) Assistenza tecnica alla produzione, all'industria di trasformazione oleicola, alle imprese di produzione delle olive da tavola, ai frantoi e alle imprese di confezionamento per quanto riguarda aspetti inerenti alla qualità dei prodotti.



L'innovazione tecnologica nel campo dell'estrazione meccanica degli oli vergini di oliva è stata protagonista, negli ultimi anni, di un importante cammino volto al miglioramento della qualità del prodotto.

Tale innovazione si è concentrata in particolar modo in Italia, da sempre ritenuto il Paese produttore che più di altri basa il suo sviluppo nel settore sulla qualità del prodotto.

La misura 4.D è dunque strategica per OP Latium, che intende incidere positivamente su tutti i fattori che influenzano la qualità in fase di trasformazione del prodotto (olive da olio ed olive da tavola).

A tal fine si interverrà nelle strutture con assistenza tecnica altamente specialistica, mirata a risolvere le problematiche connesse alla trasformazione e con l'introduzione di macchinari innovativi ad uso collettivo dei soci dei vari comprensori produttivi.


Ambito 5 - Tracciabilità

Misura - 5.a) Tracciabilità e rintracciabilità di filiera.



Op latium partecipa al programma nazionale di rintracciabilità di filiera dell'UNAPROL: uno strumento per la tutela e valorizzazione dell'olio extravergine made in Italy.

UNAPROL - Consorzio olivicolo italiano è la principale organizzazione italiana di olivicoltori con oltre 500 mila aziende associate. Per conto degli imprenditori aderenti, UNAPROL ha intrapreso diversi programmi nazionali di tutela e valorizzazione degli oli di oliva made in Italy con particolare riferimento ai segmenti dell'extravergine certificato ai sensi della norma UNI EN ISO 22005/08 (tracciabilità di filiera) e Tracciato UNI EN ISO 22005/08 + disciplinare "100% alta qualità italiana" che prevede requisiti sia di prodotto che di sistema più stringenti rispetto alla normativa cogente.

In quest'ultima direzione è in corso un programma triennale di tracciabilità di filiera a valere sul reg. 867/08 che investe 532 filiere e oltre 6000 aziende agricole . La tracciabilità sta assumendo un ruolo determinante sul mercato per differenziare gli oli extravergini, garantire al consumatore l'origine del prodotto, perseguire una maggiore trasparenza e controllo del mercato anche alla luce della nuova normativa sull'indicazione obbligatoria in etichetta dell'origine delle olive.

Il programma di rintracciabilità promosso dall'Unaprol si pone ha l'obiettivo di assicurare il top della qualità e della sicurezza, lungo tutta la filiera, dalla fase agricola di campo a quella di trasformazione/confezionamento. I processi di coltivazione, raccolta, trasformazione delle olive in olio, conservazione ed imbottigliamento sono tutti certificati da un ente terzo conformemente alla norma UNI EN ISO 22005:08e disciplinare alta qualità italiana. In sostanza, la certificazione di filiera garantisce al consumatore alcuni elementi fondamentali: innanzitutto la certezza dell'origine quindi l'elevato standard di qualità, la sicurezza alimentare e la trasparenza di tutti gli attori che compongono la filiera.

In particolare, la trasparenza viene garantita dal servizio di Rintracciabilità via web/sms che Unaprol mette a disposizione dei consumatori. Grazie al servizio SMS il consumatore è in grado, componendo sul proprio cellulare il numero di lotto indicato in etichetta , di conoscere la zona di provenienza del prodotto, la varietà delle olive, il luogo di molitura, le caratteristiche organolettiche e sensoriali dell'olio e gli abbinamenti enogastronomici suggeriti. Inoltre il servizio è operativo in più lingue al fine di consentire anche ai consumatori esteri di conoscere la provenienza dell'olio acquistato e la sua miglior fruizione.

L'Unaprol ha proseguito il percorso che vede il consumatore come elemento centrale per la strategia di valorizzazione delle produzioni olivicole tracciate, infatti oltre mantenimento ed aggiornamento del sistema di gestione dell'sms ha provveduto ad implementare nuovi sistemi di restituzione dell'informazione al consumatore.

In tal senso il sistema innovativo di etichettatura implementato permette di dotare le bottiglie di olio di una carta di identità elettronica, costituita da una semplice etichetta intelligente adesiva, capace di ospitare e veicolare a consumatori, distributori, ristoratori, numerose e più complete informazioni sul olio contenuto nella bottiglia.

Il sistema implementato è basato sui QR-CODE i quali ad oggi hanno una notevole diffusione in molti settori sia agroalimentare sia logistico verosimilmente nei prossimi anni avranno una ulteriore espansione.

Il QR CODE permette al consumatore di accedere ai contenuti informativi semplicemente inquadrando il codice qr code con la fotocamera di un telefono cellulare dotato dell'applicazione di lettura, in tempo reale verranno visualizzate sule telefonino codice di tracciabilità report analitici, abbinamenti, oppure verrà visualizzato il filmato relativo all'azienda tracciata ed al territorio in essa ricade.

Le informazioni veicolate sono validate da un sistema di tracciabilità di filiera certificato ai sensi della norma UNI EN ISO 22005/08 e secondo un disciplinare di che mira all'ottenimento di olio di alta qualità. In tal senso l'Unaprol mira a qualificare un prodotto non soltanto dal punto di vista del territorio di produzione ma anche verificando lotto per lotto il profilo analitico e sensoriale avendo cura assicurare che l'olio certificato secondo gli standard menzionati sai sicuramente italiano e di qualità superiore.

L'Unaprol in un ottica di trasparenza e assunzione di responsabilità nei confronti del consumatore non si accontenta di una validazione del sistema fatta da un ente terzo ma ha messo in campo delle risorse per mettere a punto delle metodologie analitiche in grado di legare in maniera imprescindibile oli e territorio. In tal senso con il mondo della ricerca e dell'università sono stati avviati studi basati sugli isotopi stabili NMR e metodologie convenzionali ed i primi risultati fanno ben sperare sul l'ottenimento del risultato finale , ovvero avere uno strumento strategico a supporto dei sistemi di tracciabilità convenzionali.

In definitiva il sistema di tracciabilità Unaprol è uno strumento strategico per le imprese olivicole non solo per gli aspetti di gestione e comunicazione ma soprattutto perchè la tracciabilità ricopre un posto di rilievo anche nei principali standard e nelle norme dedicate al settore agroalimentare richiesti dalla grande distribuzione nazionale ed internazionale Global Gap, GSFS,ISO 22000:05,ISO 22005/08 IFS e certificazioni di prodotto.


OP Latium per la Scuola


Come nasce e come si riconosce l'olio extra vergine d'oliva di qualità.

OP Latium invita gli studenti di tutte le fasce d'età, a conoscere da vicino il prodotto principe della Dieta Mediterranea: l'Olio Extra Vergine di Oliva.

Gli ospiti saranno accompagnati da personale esperto lungo una visita guidata all'interno di un moderno frantoio oleario, dove potranno conoscere di persona il processo di produzione del vero Olio Extra Vergine di Oliva italiano e scoprire i meccanismi e le attenzioni che ne assicurano la qualità.

Obiettivo è quello di promuovere fra le giovani generazioni una corretta ed efficace informazione sugli aspetti produttivi e sulla qualità nutrizionali e sensoriali dell'olio extra vergine di oliva e delle olive da tavola.


OP Latium - Sabina DOP - Nostrum


OP Latium - Organizzazione di Filiera dei Produttori Olivicoli del Lazio"Latium"



Operiamo per il miglioramento qualitativo dei nostri prodotti e la loro valorizzazione sui mercati attraverso sistemi di tracciabilità e di certificazione del prodotto.

OP Latium è la più grande organizzazione di produttori olivicoli del Lazio. Rappresentiamo una compagine sociale di circa 9000 aziende agricole che operano nelle principali aree olivicole del Lazio, con una rete di 50 filiere tracciate e presidiate.




Disponiamo inoltre di una produzione diretta di olio extra vergine, ottenuto nei nostri frantoi in Sabina, terra storicamente nota per la sua plurimillenaria tradizione olivicola.

Con la nostra presenza capillare ed il profondo radicamento sul territorio offriamo ai consumatori solo il meglio della produzione olivicola locale e regionale, garantendo al tempo stesso la qualità del prodotto, la tutela dell'ambiente e la giusta remunerazione delle imprese agricole.



Sabina DOP



Il Sabina D.O.P. è un olio extravergine di oliva ottenuto dalle varietà di olive Carboncella, Leccino, Raja, Frantoio, Olivastrone, Moraiolo, Olivago, Salviana e Rosciola.



Le olive destinate alla produzione dell'olio di oliva extravergine della Denominazione di Origine Protetta "Sabina" devono essere prodotte nel territorio della Sabina idoneo alla produzione di olio con le caratteristiche e livello qualitativo previsti dal presente disciplinare di produzione.



L'olio Sabina Dop ha un colore giallo - verde con sfumature oro, il suo sapore è fruttato, vellutato, uniforme, aromatico, dolce, amaro e piccante per gli oli freschissimi. Armonico e versatile in cucina, è ottimo nell'utilizzo a crudo.


Oleum Nostrum



Oleum Nostrum è l'olio extra vergine di oliva 100% Made in Italy Tracciato UNI EN ISO 22005/07 prodotto da OP Latium.

Erede dell'"Oro Verde" dell'antica Roma, è un olio extra vergine estratto in Italia solo da olive coltivate in Italia.




I frutti destinati alla sua produzione sono raccolti al giusto grado di maturazione direttamente dall'albero con l'ausilio di pettini ed agevolatori meccanici, conservate in casse forate per garantirne la freschezza ed avviate alla frangitura entro 24 ore per assicura il massimo livello qualitativo al prodotto finale.

L'olio ottenuto è profumato ed equilibrato e ben si sposa con i piatti e gli accostamenti gastronomici della Dieta Mediterranea.


Prodotti



La tracciabilità ha assunto un ruolo determinante sul mercato per differenziare i prodotti agroalimentari, garantire al consumatore l'origine del prodotto, perseguire una maggiore trasparenza e controllo del mercato e presidio della filiera.

La certificazione di filiera garantisce al consumatore alcuni elementi fondamentali: innanzitutto la certezza dell'origine quindi l'elevato standard di qualità, la sicurezza alimentare e la trasparenza di tutti gli attori che compongono la filiera.

OP Latium commercializza olio extra vergine e olive da tavola tracciati in conformità alla norma ISO 22005:07 ed altri prodotti di altissima qualità come bruschette, patè, creme, sottoli e gelatine.


Olio di Oliva Extra Vergine Italiano tracciato ai sensi della norma UNI EN ISO 22005/07



Olio di oliva made in Italy extravergine certificato ai sensi della norma UNI EN ISO 22005/07 (tracciabilità di filiera) e Tracciato UNI EN ISO 22005/07 + disciplinare "100% alta qualità italiana" che prevede requisiti sia di prodotto che di sistema più stringenti rispetto alla normativa cogente.

Il programma di rintracciabilità promosso dall'Unaprol al quale OP Latium aderisce si pone ha l'obiettivo di assicurare il top della qualità e della sicurezza, lungo tutta la filiera, dalla fase agricola di campo a quella di trasformazione/confezionamento. I processi di coltivazione, raccolta, trasformazione delle olive in olio, conservazione ed imbottigliamento sono tutti certificati da un ente terzo conformemente alla norma UNI EN ISO 22005:08e disciplinare alta qualità italiana.


Olive da tavola nere "Gaeta al Naturale" tracciate ai sensi della norma UNI EN ISO 22005/07



L'oliva itrana lavorata secondo il metodo "Gaeta al naturale" si caratterizza per la forma leggermente affusolata, il colore violaceo, il sapore vinoso ed amarognolo con leggere sfumature acetiche. La raccolta del frutto avviene a maturazione ultimata, nel mese di marzo. La stagionatura dura alcuni mesi ed avviene in appositi contenitori con l'impiego di acqua e sale, senza l'aggiunta di nessun conservante e coadiuvante nei processi di fermentazione. Per questo motivo l'oliva Gaeta possiede un grande valore nutritivo ed è ricca di polifenoli e antiossidanti naturali.

Le olive di tipo "Gaeta al naturale" commercializzate da OP LATIUM sono tracciate secondo la norma UNI EN ISO 22005/07 secondo un apposito "Disciplinare Tecnico di Filiera" (DTF). Il disciplinare ha lo scopo di garantire la rintracciabilità delle olive di tavola lungo l'intera filiera produttiva a partire dalla produzione primaria.


Olive da tavola "Itrana Bianca"




Le olive da tavole di tipo "Itrana Bianca" si differenziano dalle "Gaeta" per la loro croccantezza ed il sapore deciso, sfizioso e pungente. Deliziose se incisa o schiacciata e condita con olio extra vergine, erbe aromatiche, aglio e peperoncino.


La raccolta avviene quando l'oliva è leggermente invaiata, in genere nel mese di dicembre, la stagionatura avviene semplicemente in acqua e sale e dura alcuni mesi. L'utilizzo pi&eugrave; diffuso in cucina è come antipasto o ad integrazione di sfiziosi aperitivi.


Monitoraggio, Ambiente, Competitività, Qualità, Tracciabilità



OP Latium partecipa nella ai programmi di attività delle organizzazioni di operatori nel settore oleicolo Reg.ti (UE) 611/14 e 615/14 svolti da Unaprol - Consorzio Olivicolo Italiano nel triennio 2015-2018.

Con una compagine sociale di circa 9000 aziende, di cui 21 cooperative in tutte le aree a vocazione olivicola del Lazio ed una rete di 50 filiere tracciate nell'ambito dei progetti svolti negli anni precedenti, OP Latium rappresenta un'organizzazione capillare che intende fornire alle imprese olivicole strumenti e servizi per la valorizzazione del proprio prodotto.

Coerentemente con quanto previsto dai Regolamenti di riferimento e con l'obiettivo di offrire il massimo supporto possibile a tutte le imprese agricole professionali che necessitano di assistenza tecnica qualificata e credono nella nostra strategia commerciale, OP Latium ha scelto di attivare le seguenti misure:

Ambito 1 - Monitoraggio e gestione amministrativa del mercato nel settore dell'olio d'oliva e delle olive da tavola

Misura - 1.a) Monitoraggio e gestione amministrativa del mercato nel settore dell'olio d'oliva e delle olive da tavola.


OP Latium partecipa al programma triennale Unaprol di monitoraggio del settore olivicolo per il periodo aprile 2015 - marzo 2018, comprendente le seguenti attività:

- Monitoraggio dei dati di mercato e socio-strutturali di un campione di aziende olivicole stratificato su tutto il territorio nazionale e rappresentativo delle diverse zone regionali;
- Elaborazione di studi, riguardanti aspetti correlati all'ambiente ed al miglioramento della qualità degli oli e delle olive da tavola.

Le principali informazioni da raccogliere riguardano le diverse categorie di oli di oliva e delle olive da tavola, distinguendo le categorie convenzionali dalle produzioni destinate a certificazioni comunitarie (Dop, Igp, Bio,).


Ambito 2 - Miglioramento dell'impatto ambientale dell'olivicoltura

Misura - 2.a) Elaborazione di buone pratiche agricole per l'olivicoltura, basate su criteri ambientali adattati alle condizioni locali, nonchè la loro diffusione presso gli olivicoltori il monitoraggio della loro applicazione pratica.



Tale misura è stata attiva da OP Latium allo scopo di aiutare le aziende ad ottenere una produzione di qualità ed allo stesso tempo sostenibile e rispettosa dell'ambiente. A tempo stesso si persegue l'obiettivo della razionalizzazione dei costi di produzione: tutte le operazioni colturali oggi incidono pesantemente sul prezzo finale del prodotto ed in un mercato dove occorre competere sui costi di produzione tale azione assume ancora più rilievo se letta in chiave commerciale.

Lo strumento attraverso cui razionalizzare le pratiche agronomiche è rappresentato da un disciplinare di produzione a basso impatto ambientale che consenta di ottenere una produzione sicura e sostenibile, e - al tempo - di abbatterne i costi. La gestione ed il rispetto di questo disciplinare sarà garantito da un'assistenza tecnica specialistica - con annessi mezzi tecnici - fornita ai soci attraverso l'attivazione di sportelli tecnici nell'OP che nelle strutture cooperative.

Misura - 2.b) Dimostrazione pratica di tecniche alternative all'impiego di prodotti chimici per la lotta alla mosca delle olive, nonchè progetti di osservazione dell'andamento stagionale dell'infestazione.



Questa misura, oltre alla sua rilevanza in termini di tutela dell'ambiente, si rivela strategica ai fini della garanzia della qualità e della quantità del prodotto, nonchè al contenimento dei costi aziendali in quanto l'osservazione dell'andamento stagionale dell'infestazione dei vari patogeni, tra cui la mosca dell'olivo, consente di offrire alle aziende informazioni chiare e tempestive sulle migliori pratiche da adottare per contenere i danni alla produzione.


Ambito 3 - Miglioramento della competitività attraverso la modernizzazione

Misura - 3.a) Iniziative di formazione e comunicazione.



L'informazione e l'educazione alimentare del consumatore diventano priorità assolute a fronte di un mercato dell'olio di oliva e olive da tavola sempre meno trasparente, dove le frodi aumentano in maniera esponenziale.

A tempo stesso risulta essenziale formare gli operatori della filiera sui punti di forza e sulle differenze qualitative e salutistiche del vero olio italiano di qualità anche al fine di garantirne il giusto riconoscimento sul mercato. Per questo motivo OP Latium ha scelto di attivare questa misura, mirata a formare e comunicare agli operatori della filiera ed ai consumatori la qualità e l'unicità degli oli di oliva laziali.


Ambito 4 - Miglioramento della della qualità della produzione di olio d'oliva e delle olive da tavola

Misura - 4.a) Miglioramento delle condizioni di coltivazione, di raccolta, di consegna e di magazzinaggio delle olive prima della trasformazione e connessa assistenza tecnica.



Questa misura si riferisce alle fasi di lavorazione che precedono la trasformazione delle olive: coltivazione, raccolta, consegna e stoccaggio in magazzino.

Beneficiari delle misura saranno tutte quelle imprese che adottano sistemi di coltivazione tradizionali e necessitano di razionalizzare le operazioni svolte anche ai fini delcontenimento dei costi. Se è vero, infatti, che cambiamenti rilevanti sono stati realizzati nell'ambito dei processi di estrazione dell'olio, non vi è sempre stato un rinnovamento paragonabile nella produzione della materia prima.

Oltre al monitoraggio dei patogeni, mediante le azioni previste nella misura, si offrirà quindi alle imprese olivicole un'assistenza tecnica specialistica specificamente riferita alle fasi produttive sopra menzionate, al fine di ottenere una maggiore economicità di gestione degli impianti olivicoli, il mantenimento di elevate produttività, un'elevataqualità degli oli ed un minore impatto ambientale, nella convinzione che "la qualità si fa in campo ed in frantoio occorre solo preservarla.

Misura - 4.b) Miglioramento delle condizioni di magazzinaggio e di valorizzazione dei residui della produzione dell'olio d'oliva e delle olive da tavola e il miglioramento delle condizioni di imbottigliamento dell'olio di oliva.



Per mezzo di tale misura OP Latium intende affrontare e introdurre innovazioni nella gestione dei residui dell'olio di oliva e delle olive da tavola secondo l'approccio da "rifiuto a risorsa" sviluppando una filiera energetica derivante da nocciolino estratto da sanse a due e tre fasi.

In un contesto di economia sostenibile infatti, si considera oggi prioritario garantire una adeguata gestione dei sottoprodotti dell'estrazione meccanica degli oli vergini di oliva: il recupero e la corretta gestione del nocciolino rappresenta un'alternativa interessante per trarre reddito vista la grande diffusione di stufe a pellet e, più di recente, anche di stufe appositamente progettate per il nocciolino stesso.

All'interno dello stabilimento OP di Palombara Sabina (RM) la gestione delle sanse verrà quindi implementata ai fini dell'ottenimento di nocciolino.

Saranno inoltre sperimentate le condizioni di maggiore redditività, per definire un modello da applicare nelle varie unità operative nonchè acuto; presso le filiere di OP Latium, intervenendo su logistica, trasporto e stoccaggio per definire un modello di gestione che sia remunerativo e applicabile alla realtà olivicola delle singole zone.

Misura - 4.c) Assistenza tecnica alla produzione, all'industria di trasformazione oleicola, alle imprese di produzione delle olive da tavola, ai frantoi e alle imprese di confezionamento per quanto riguarda aspetti inerenti alla qualità dei prodotti.



L'innovazione tecnologica nel campo dell'estrazione meccanica degli oli vergini di oliva è stata protagonista, negli ultimi anni, di un importante cammino volto al miglioramento della qualità del prodotto.

Tale innovazione si è concentrata in particolar modo in Italia, da sempre ritenuto il Paese produttore che più di altri basa il suo sviluppo nel settore sulla qualità del prodotto.

La misura 4.D è dunque strategica per OP Latium, che intende incidere positivamente su tutti i fattori che influenzano la qualità in fase di trasformazione del prodotto (olive da olio ed olive da tavola).

A tal fine si interverrà nelle strutture con assistenza tecnica altamente specialistica, mirata a risolvere le problematiche connesse alla trasformazione e con l'introduzione di macchinari innovativi ad uso collettivo dei soci dei vari comprensori produttivi.


Ambito 5 - Tracciabilità

Misura - 5.a) Tracciabilità e rintracciabilità di filiera.



Op latium partecipa al programma nazionale di rintracciabilità di filiera dell'UNAPROL: uno strumento per la tutela e valorizzazione dell'olio extravergine made in Italy.

UNAPROL - Consorzio olivicolo italiano è la principale organizzazione italiana di olivicoltori con oltre 500 mila aziende associate. Per conto degli imprenditori aderenti, UNAPROL ha intrapreso diversi programmi nazionali di tutela e valorizzazione degli oli di oliva made in Italy con particolare riferimento ai segmenti dell'extravergine certificato ai sensi della norma UNI EN ISO 22005/08 (tracciabilità di filiera) e Tracciato UNI EN ISO 22005/08 + disciplinare "100% alta qualità italiana" che prevede requisiti sia di prodotto che di sistema più stringenti rispetto alla normativa cogente.

In quest'ultima direzione è in corso un programma triennale di tracciabilità di filiera a valere sul reg. 867/08 che investe 532 filiere e oltre 6000 aziende agricole . La tracciabilità sta assumendo un ruolo determinante sul mercato per differenziare gli oli extravergini, garantire al consumatore l'origine del prodotto, perseguire una maggiore trasparenza e controllo del mercato anche alla luce della nuova normativa sull'indicazione obbligatoria in etichetta dell'origine delle olive.

Il programma di rintracciabilità promosso dall'Unaprol si pone ha l'obiettivo di assicurare il top della qualità e della sicurezza, lungo tutta la filiera, dalla fase agricola di campo a quella di trasformazione/confezionamento. I processi di coltivazione, raccolta, trasformazione delle olive in olio, conservazione ed imbottigliamento sono tutti certificati da un ente terzo conformemente alla norma UNI EN ISO 22005:08e disciplinare alta qualità italiana. In sostanza, la certificazione di filiera garantisce al consumatore alcuni elementi fondamentali: innanzitutto la certezza dell'origine quindi l'elevato standard di qualità, la sicurezza alimentare e la trasparenza di tutti gli attori che compongono la filiera.

In particolare, la trasparenza viene garantita dal servizio di Rintracciabilità via web/sms che Unaprol mette a disposizione dei consumatori. Grazie al servizio SMS il consumatore è in grado, componendo sul proprio cellulare il numero di lotto indicato in etichetta , di conoscere la zona di provenienza del prodotto, la varietà delle olive, il luogo di molitura, le caratteristiche organolettiche e sensoriali dell'olio e gli abbinamenti enogastronomici suggeriti. Inoltre il servizio è operativo in più lingue al fine di consentire anche ai consumatori esteri di conoscere la provenienza dell'olio acquistato e la sua miglior fruizione.

L'Unaprol ha proseguito il percorso che vede il consumatore come elemento centrale per la strategia di valorizzazione delle produzioni olivicole tracciate, infatti oltre mantenimento ed aggiornamento del sistema di gestione dell'sms ha provveduto ad implementare nuovi sistemi di restituzione dell'informazione al consumatore.

In tal senso il sistema innovativo di etichettatura implementato permette di dotare le bottiglie di olio di una carta di identità elettronica, costituita da una semplice etichetta intelligente adesiva, capace di ospitare e veicolare a consumatori, distributori, ristoratori, numerose e più complete informazioni sul olio contenuto nella bottiglia.

Il sistema implementato è basato sui QR-CODE i quali ad oggi hanno una notevole diffusione in molti settori sia agroalimentare sia logistico verosimilmente nei prossimi anni avranno una ulteriore espansione.

Il QR CODE permette al consumatore di accedere ai contenuti informativi semplicemente inquadrando il codice qr code con la fotocamera di un telefono cellulare dotato dell'applicazione di lettura, in tempo reale verranno visualizzate sule telefonino codice di tracciabilità report analitici, abbinamenti, oppure verrà visualizzato il filmato relativo all'azienda tracciata ed al territorio in essa ricade.

Le informazioni veicolate sono validate da un sistema di tracciabilità di filiera certificato ai sensi della norma UNI EN ISO 22005/08 e secondo un disciplinare di che mira all'ottenimento di olio di alta qualità. In tal senso l'Unaprol mira a qualificare un prodotto non soltanto dal punto di vista del territorio di produzione ma anche verificando lotto per lotto il profilo analitico e sensoriale avendo cura assicurare che l'olio certificato secondo gli standard menzionati sai sicuramente italiano e di qualità superiore.

L'Unaprol in un ottica di trasparenza e assunzione di responsabilità nei confronti del consumatore non si accontenta di una validazione del sistema fatta da un ente terzo ma ha messo in campo delle risorse per mettere a punto delle metodologie analitiche in grado di legare in maniera imprescindibile oli e territorio. In tal senso con il mondo della ricerca e dell'università sono stati avviati studi basati sugli isotopi stabili NMR e metodologie convenzionali ed i primi risultati fanno ben sperare sul l'ottenimento del risultato finale , ovvero avere uno strumento strategico a supporto dei sistemi di tracciabilità convenzionali.

In definitiva il sistema di tracciabilità Unaprol è uno strumento strategico per le imprese olivicole non solo per gli aspetti di gestione e comunicazione ma soprattutto perchè la tracciabilità ricopre un posto di rilievo anche nei principali standard e nelle norme dedicate al settore agroalimentare richiesti dalla grande distribuzione nazionale ed internazionale Global Gap, GSFS,ISO 22000:05,ISO 22005/08 IFS e certificazioni di prodotto.


OP Latium per la Scuola


Come nasce e come si riconosce l'olio extra vergine d'oliva di qualità.

OP Latium invita gli studenti di tutte le fasce d'età, a conoscere da vicino il prodotto principe della Dieta Mediterranea: l'Olio Extra Vergine di Oliva.

Gli ospiti saranno accompagnati da personale esperto lungo una visita guidata all'interno di un moderno frantoio oleario, dove potranno conoscere di persona il processo di produzione del vero Olio Extra Vergine di Oliva italiano e scoprire i meccanismi e le attenzioni che ne assicurano la qualità.

Obiettivo è quello di promuovere fra le giovani generazioni una corretta ed efficace informazione sugli aspetti produttivi e sulla qualità nutrizionali e sensoriali dell'olio extra vergine di oliva e delle olive da tavola.


Visualizzando 1 - 4 di 4
Visualizzando 1 - 4 di 4