Partnerships

Extra

 

Presentazione e Prodotti Benincasa

Benincasa


Benincasa - Vini d'Amore e di Passione



Un'azienda nella terra dei Longobardi Il Friuli, con le sue colline, è da sempre terra privilegiata per la coltivazione di vitigni di alta qualità. E' qui, nella zona centrale del Parco della vite e del vino, sui Colli Orientali del Friuli, che sorge l'azienda Benincasa.



La tenuta si trova a Spessa di Cividale, su un “ronco”, antico toponimo longobardo ( dal gotico “wranks”), che sta ad indicare una particolare conformazione collinare.




Nella vicina Cividale, Patrimonio Unesco per la sua storia, i Longobardi, intorno alla seconda metà del 500 d.C., costituirono il loro primo Ducato e proprio in questi colli svilupparono la viticoltura, attività di primaria importanza per questo popolo.



I vigneti dell'azienda Benincasa si trovano su un semicerchio collinare esposto a mezzogiorno dove la vite è innanzitutto paesaggio, in perfetta armonia con la natura circostante. I diversi microclimi, un piccolo rio ed il bosco confinante sono elementi peculiari del vigneto che determinano quindi un perfetto ed unico ecosistema.



Non deve infatti stupire se cinghiali, caprioli e fagiani sono talvolta ospiti del vigneto e banchettatori del suo frutto. Tutto è volutamente rimasto in ricordo della tradizione passata: la vigna è costituita da forti pendii dove qua e là si trovano ulivi, ciliegi, noci, fichi, meli tutti vecchi di decenni. I filari sono stretti (fino ad 1,40 mt) e seguono con equilibrio l'andamento collinare, creando un'oasi verde dove le foglie delle viti disegnano un paesaggio simile a trame di pizzi.


La produzione è limitatissima, poco meno di due chili di uva per singola vite, perciò ciascuna bottiglia prodotta è il pregiato frutto di un'unica pianta. La raccolta delle uve avviene rigorosamente a mano in cassette che vengono portate al più presto negli ambienti di cantina: il processo qualitativo inizia nei vigneti, per poi concludersi nelle attente e quotidiane fasi di vinificazione ed evoluzione fino alla bottiglia.



Le tecniche di produzione guardano alla tradizione, ma vengono interpretate con mentalità e mezzi moderni. Ogni bottiglia racchiude il binomio natura-uomo con il suo lavoro, la sua cura, la sua assiduità: quest'unione di amore e passione per il vino crea la qualità dei prodotti Benincasa.


L'azienda produce Chardonnay, Sauvignon, Pinot Grigio, “Autari” ( uvaggio bordolese di Cabernet Sauvignon e Merlot) e Pignolo.


Autari e Teodolinda



Le Quattro Stagioni - Toni Benetton



Le etichette dell'azienda rappresentano le quattro stagioni della vite e del vino e sono opera di Toni Benetton, uno dei maggiori scultori italiani del ferro. Clienti dei pregiati vini Benincasa sono da sempre prestigiosi ristoranti.




Sono stati i vini ufficiali di molte occasioni importanti, come pranzi dell'ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ed un famoso incontro di Papa Benedetto XVI con l'Arcidiocesi di Venezia.

Benincasa


Benincasa - Vini d'Amore e di Passione



Un'azienda nella terra dei Longobardi Il Friuli, con le sue colline, è da sempre terra privilegiata per la coltivazione di vitigni di alta qualità. E' qui, nella zona centrale del Parco della vite e del vino, sui Colli Orientali del Friuli, che sorge l'azienda Benincasa.



La tenuta si trova a Spessa di Cividale, su un “ronco”, antico toponimo longobardo ( dal gotico “wranks”), che sta ad indicare una particolare conformazione collinare.




Nella vicina Cividale, Patrimonio Unesco per la sua storia, i Longobardi, intorno alla seconda metà del 500 d.C., costituirono il loro primo Ducato e proprio in questi colli svilupparono la viticoltura, attività di primaria importanza per questo popolo.



I vigneti dell'azienda Benincasa si trovano su un semicerchio collinare esposto a mezzogiorno dove la vite è innanzitutto paesaggio, in perfetta armonia con la natura circostante. I diversi microclimi, un piccolo rio ed il bosco confinante sono elementi peculiari del vigneto che determinano quindi un perfetto ed unico ecosistema.



Non deve infatti stupire se cinghiali, caprioli e fagiani sono talvolta ospiti del vigneto e banchettatori del suo frutto. Tutto è volutamente rimasto in ricordo della tradizione passata: la vigna è costituita da forti pendii dove qua e là si trovano ulivi, ciliegi, noci, fichi, meli tutti vecchi di decenni. I filari sono stretti (fino ad 1,40 mt) e seguono con equilibrio l'andamento collinare, creando un'oasi verde dove le foglie delle viti disegnano un paesaggio simile a trame di pizzi.


La produzione è limitatissima, poco meno di due chili di uva per singola vite, perciò ciascuna bottiglia prodotta è il pregiato frutto di un'unica pianta. La raccolta delle uve avviene rigorosamente a mano in cassette che vengono portate al più presto negli ambienti di cantina: il processo qualitativo inizia nei vigneti, per poi concludersi nelle attente e quotidiane fasi di vinificazione ed evoluzione fino alla bottiglia.



Le tecniche di produzione guardano alla tradizione, ma vengono interpretate con mentalità e mezzi moderni. Ogni bottiglia racchiude il binomio natura-uomo con il suo lavoro, la sua cura, la sua assiduità: quest'unione di amore e passione per il vino crea la qualità dei prodotti Benincasa.


L'azienda produce Chardonnay, Sauvignon, Pinot Grigio, “Autari” ( uvaggio bordolese di Cabernet Sauvignon e Merlot) e Pignolo.


Autari e Teodolinda



Le Quattro Stagioni - Toni Benetton



Le etichette dell'azienda rappresentano le quattro stagioni della vite e del vino e sono opera di Toni Benetton, uno dei maggiori scultori italiani del ferro. Clienti dei pregiati vini Benincasa sono da sempre prestigiosi ristoranti.




Sono stati i vini ufficiali di molte occasioni importanti, come pranzi dell'ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ed un famoso incontro di Papa Benedetto XVI con l'Arcidiocesi di Venezia.

Visualizzando 1 - 5 di 5
Visualizzando 1 - 5 di 5